Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

Vendere in Kazakistan: economia ed opportunità

Vendere in Kazakistan significa conoscere innanzitutto l’economia e le prospettive di questo Stato appartenente alla Comunità dei Paesi CSI.

Il Kazakistan oltre ad essere uno dei Paesi più attivi nel settore energetico, petrolio e gas naturale, è anche uno tra i più importanti paesi al mondo in termini di disponibilità di risorse minerarie primarie, per alcuni di questi minerali detiene il primato in termini di risorse minerarie dell’ex URSS.

Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

Vendere in Kazakistan significa anche tenere nella dovuta considerazione il sistema bancario del Paese, quest’ultimo risulta adeguato agli standard internazionali, tra le altre cose molte banche del Paese hanno una partecipazione straniera.

Il Kazakistan ha conseguito l’indipendenza nel 1991, ora è uno dei Paesi CSI, da quella data ha avuto tassi di crescita impressionanti raggiungendo anche l’8%, anche se recentemente l’economia nazionale ha inevitabilmente risentito del calo del prezzo del petrolio e della congiuntura internazionale.

Esportare in Kazakistan significa comprendere la dinamica di sviluppo di questo Paese che ha avviato un profondo processo di rinnovamento e industrializzazione caratterizzato da settori emergenti per la sostenibilità e l’efficienza energetica.

Fare export in Russia come iniziare: il tutorial guidato per impostare la propria strategia. Import export come iniziare.

Molti sono i programmi avviati dal governo Kazako nel settore dell’energia oil & gas ma anche nel settore delle fonti rinnovabili e nell’ambito della diversificazione dell’economia nazionale attraverso lo sviluppo del settore agroalimentare e di quello manifatturiero.

Nonostante il calo dei prezzi delle materie prime il Kazakistan secondo un recente ricerca risulta il quarto mercato emergente in termini di appetibilità economica. Il Kazakistan è inoltre il nono Paese più grande al mondo, molte sono le opportunità del Made in Italy per esportare in Kazakistan anche nel settore dell’industria manifatturiera di alta qualità.

Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

Tanto per dare un indice di comparto significativo relativo alle oppotunità di vendere in Kazakistan prendiamo ad esempio il segmento del lusso, quest’ultimo risulta in forte espansione.

Nel mega shopping mall Esentai sono presenti le più grandi firme, Valentino, Ferragamo, Armani, Emilio Pucci e tanti altri, di recente hanno aperto firme quali Damiani e Bulgari, tanto per fare qualche esempio di come è possibile vendere in Kazakistan.

Anche i settori GDO (Grande Distribuzione Organizzata) e DIY (fai da te) risultano in crescita, marchi come Auchan ed Ikea hanno avviato negoziazioni con il governo kazako per uno sbarco in forze nel Paese. Carrefour, Leroy Merlin, Starbucks, Kfc e McDonald’s sono già presenti ed aumentano i punti vendita.

Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

  Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

Insomma, questa è la fotografia, sottovalutare mercati con queste potenzialità per un momento di congiuntura economica internazionale negativa significa perdere per sempre posizioni strategiche per la penetrazione del mercato in futuro e lasciare spazio ad altri competitors.

Infatti, rimanendo nell’ambito dell’indicativo segmento lusso sopra citato, la stessa identica cosa sta succedendo ad esempio anche nel mercato russo del BBF (Bello e Ben Fatto), in questo mercato il segmento lusso ha pagato un alto prezzo in conseguenza delle sanzioni internazionali e soprattutto della svalutazione del rublo, resta il fatto che gli acquisti di alta gamma risultano aumentati grazie all’afflusso dei turisti cinesi, proprio per questo motivo molte grandi firme come Valentino, Fendi, Bulgari ed Omega hanno scelto proprio ora di entrare con un maggiore livello di penetrazione in questo mercato.

Le potenzialità di questi mercati risultano comunque interessanti e da non sottovalutare in un’ottica di pianificazione strategica aziendale dei mercati internazionali.

Vendere in Kazakistan: analisi macroeconomica dei principali indicatori e delle opportunità presenti nel Paese e nell’ambito della Comunità dei Paesi CSI.

Per non parlare del fatto che, sempre all’interno della Comunità dei Paesi CSI, stando all’ultimo rapporto economico Bers del maggio 2016, ci sono Paesi quali il Turkmenistan e Uzbekistan per i quali è prevista una crescita in termini di PIL del 6,5%. Il Kazakistan appartiene ad un’area di libero scambio costituita da circa 170 milioni di persone.

Vendere in Kazakistan: analisi economia delle opportunità

Vendere in Kazakistan: analisi delle opportunità economiche e dei settori merceologichi. Esportare in Kazakistan e nella Comunità dei Paesi CSI URSS.

E’ possibile scaricare la Guida al Mercato Russo
nell’Area Download

Area download per scaricare Gratis la Guida al mercato russo e con la spiegazione delle tre regole fondamentali su come vendere in Russia.

L’ARTICOLO E’ INTERESSANTE? E’ POSSIBILE FARE DOMANDE!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>